Le mamme digitali chiedono l’intervento delle istituzioni

Le mamme-in-Parlamento-5Le mamme italiane sono alla guida della rivoluzione digitale, al fianco degli adolescenti. Questa riflessione nasce dall’idea di “Mamme in Parlamento”, primo incontro tra le mamme digitali e le istituzioni italiane, in una prospettiva di cooperazione positiva per la crescita del Paese dove le mamme digitali rappresentano in Italia il 92%. All’evento, presentato il 6 giugno alla Camera dei Deputati, e organizzato in Parlamento dall’agenzia FattoreMamma con l’associazione Italian Digital Revolution, sono intervenuti esponenti del mondo politico e imprenditoriale ed è stata un’occasione per portare davanti alle istituzioni temi che sono a cuore delle mamme e delle famiglie italiane chiedendo di accorciare le distanze con le sedi decisionali grazie all’impiego delle nuove tecnologie. Il dibattito, ha visto la partecipazione di numerose mamme blogger, iperconnesse, pronte a ricercare mamme digitalisoluzioni ai problemi della vita di tutti i giorni. “Nel nostro paese crescono solo le famiglie con figli unici – ha affermato il ministro per gli Affari regionali con delega alla famiglia, Enrico Costa – e i dati sulla natalità non sono positivi”. Nel 2016 l’Istat registra un record negativo sulla natalità che scende a 474 mila nati nel 2017. Questo calo demografico, secondo Costa, è dovuto “alle notevoli difficoltà a conciliare la vita lavorativa con quella familiare. Per questo motivo è necessario introduzione il Testo unico della famiglia , una norma che metta insieme misure a sostegno della famiglia”. Crescono invece le mamme digitali per raggiungere determinati obiettivi”. Il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ha sottolineato l’importanza del ruolo delle mamme e della rete che può “dare un grande aiuto come strumento di confronto e di discussione”. Durante l’incontro è stato presentato un sondaggio realizzato da FattoreMamma allo scopo di esplorare le reali esigenze dell’universo materno in preparazione di un vademecum per chi vuole costruire un contesto sociale e psicologico scevro da particolari difficoltà.

Gli argomenti trattati nel sondaggio hanno toccato temi quali lavoro, scuola e salute e il campione ha coinvolto 1.242 madri italiane. Dal sondaggio emerge che il 75% delle intervistate sottolinea l’inconciliabilità tra la vita lavorativa e familiare dovuto al rientro precoce dalla maternità, la mancanza di misure di incentivazione delle aziende affinché considerino il lavoro femminile una opportunità, piuttosto che un problema, e la necessità di avere una maggiore flessibilità di orari nei tempi di lavoro. Il 62% delle intervistate richiede anche un maggiore sostegno economico a favore della maternità e il 58% reclama una maggiore tutela dal punto di vista legislativo.

Per quanto riguardo la scuola, l’incompatibilità con gli orari di lavoro è riconosciuta dal 60% delle intervistate, dove rispetto altri paesi europei, il sistema scolastico prevede una distribuzione delle vacanze e una gestione degli orari più flessibili, viene citato spesso come esempio da seguire. Un tema sentito è quello della inaccessibilità degli asili nido, che si concretizza nella scarsa disponibilità di posti nei nidi pubblici, e dei costi insostenibili di quelli privati.

Il 67% delle intervistate, ritiene lunghi i tempi di attesa nelle prestazioni sanitarie soprattutto se questi esami riguardano la gravidanza. A questo tema si lega l’inevitabile necessità di un sostegno economico e di agevolazioni per l’acquisto di farmaci e per le prestazioni sanitarie in genere.

Evidenziate le criticità, l’indagine ha chiesto alle mamme di proporre alcune soluzioni. L’83% delle mamme ritiene utile dialogare con le istituzioni attraverso una piattaforma digitale. Il pensiero comune è che esiste un gap tra le esigenze reali delle mamme e le istituzioni, un dialogo diretto potrebbe favorire una maggiore comprensione delle loro istanze. La genitorialità dunque andrebbe riconosciuta come lavoro sociale e non un peso per la collettività.

Secondo Jolanda Restano, fondatrice di FattoreMamma, è tempo di cogliere queste opportunità per modernizzare il paese partendo anche dal rendere le donne e le mamme più libere di contribuire in ogni modo alla sua crescita. Per Rosangela Cesareo dell’AIDR, ora più che mai c’è bisogno di formazione e questa deve partire dal basso, dalle scuole. Così come le altre materie, occorre trovare lo spazio anche il digitale. Questa è la vera rivoluzione della nostra era, dove tutti devono prendere coscienza e agire di conseguenza.

Cristina Montagni