Home » Riforma del Terzo Settore. Il governo approva i decreti

Riforma del Terzo Settore. Il governo approva i decreti

Archivi

RSS Yes, We Tweet

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

Il 12 maggio 2017 il Consiglio dei Ministri approva in via preliminare i tre decreti attuativi della delega sulla riforma del terzo settore. Una riforma voluta dall’esecutivo che non prevede proroghe per l’urgenza che le stesse organizzazioni hanno richiesto nelle ultime settimane. I temi centrali della riforma riguardano il Codice del terzo settore, l’impresa sociale e il cinque per mille cMinistro Polettihe riguarda circa 300.00 associazioni no profit e un milione di lavoratori e 5 milioni di volontari. Il decreto sul Codice del terzo Settore descrive i principi generali, le attività dei soggetti del terzo settore, indica le modalità per la raccolta fondi, definisce le strutture contabili e le regole per la definizione dei bilanci, il bilancio sociale ed il relativo obbligo ed il trattamento contrattuale del lavoro nel terzo settore. Il via libera dei testi da parte del governo, saranno a disposizione della Camera e del Senato, oltre che dalla Conferenza Stato Regioni, per i pareri del caso. I provvedimenti torneranno al Consiglio dei ministri per l’approvazione definitiva e orientativamente si prevede l’approvazione definitiva fra fine giugno e inizio di luglio. Un testo delicato, ma molto atteso che porta alla nascita del Codice del Terzo Settore, cioè un insieme di disposizioni giuridiche e fiscali destinato a regolamentare la vita degli enti di terzo settore. Sarà questo testo a modificare significativamente l’esistenza delle organizzazioni e a segnare un nuovo percorso nell’intero processo di riforma e razionalizzazione. Il Forum del Terzo Settore aveva posto l’accento sul tema relativo alla riforma della normativa fiscale e l’Associazione italiana fundraiser, la ConVol, la Conferenza Permanente delle Associazioni, le Federazioni e le Reti di Volontariato, chiedevano “una proroga per agevolare una riflessione efficace e propositiva per una nuova stesura“.

Il governo, in particolare il sottosegretario al Lavoro e Politiche Sociali, Luigi Bobba, che ha seguito i lavori della riforma, ha dichiarato che entro il 15-20 maggio i tre decreti attuativi della legge delega e la riforma del terzo settore sarebbero arrivati al Consiglio dei Ministri. Il via libera della riforma giunge a compimento di un processo durato meno di un anno: la legge delega di riforma del terzo settore (106/2016) fu infatti votata in via definitiva il 25 maggio 2016, per entrare in vigore il 6 giugno 2016.

La legge delega dava tempo 12 mesi al governo per adottare i decreti legislativi che attuavano in concreto gli intendimenti proposti dal Parlamento. Finora ad aver completato interamente il suo iter è stato solamente il decreto recante l’istituzione e la disciplina del servizio civile universale. Il 10 marzo 2017 il Consiglio dei Ministri ha approvato lo schema di decreto relativo allo statuto della Fondazione Italia Sociale, che attende ora il vaglio definitivo dalle competenti commissioni di Camera e Senato. Commissioni che a breve, non appena saranno trasmessi i testi approvati oggi, inizieranno l’esame dei tre decreti delegati che rappresentano il vero cuore della riforma del terzo settore.

Cristina Montagni
Conferenza stampa del Ministro Poletti. Consiglio dei Ministri n. 29, Palazzo Chigi, 12 maggio 2017

Follow Women for Women Italy on WordPress.com


Sito di approfondimento su temi che ruotano intorno al mondo femminile: formazione, diritti umani, lavoro, salute, anti-violenza e impresa donna.

Cristina Montagni
Journalist & press office manager

Categorie

Da non perdere: Women for Women Italy

DONNE E MEDIA: LA SOTTILE LINEA ROSSA DELLA DISCRIMINAZIONE DI GENERE

DONNE E MEDIA: LA SOTTILE LINEA ROSSA DELLA DISCRIMINAZIONE DI GENERE

Per 15 milioni di italiani le donne sono poco valorizzate nel mondo dell’informazione ma soprattutto si rinnova un’inadeguata discriminazione nelle pari opportunità.

Il Parlamento Europeo sollecita tutti gli Stati membri a ratificare la Convenzione di Istanbul

Il Parlamento Europeo sollecita tutti gli Stati membri a ratificare la Convenzione di Istanbul

Con la risoluzione non legislativa, adottata il 28 novembre con 500 voti favorevoli, 91 contrari e 50 astensioni, si invita il Consiglio a concludere con urgenza la ratifica da parte dell’UE della Convenzione sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne, nota come Convenzione di Istanbul

13° Premio Lux per il cinema: “Dio è donna e si chiama Petrunya” di Teona Mitevska

13° Premio Lux per il cinema: “Dio è donna e si chiama Petrunya” di Teona Mitevska

Il Presidente del Parlamento europeo David Sassoli, ha annunciato mercoledì 27 a Strasburgo il vincitore del 13° Premio Lux per il cinema: “Dio è donna e si chiama Petrunya”, di Teona Mitevska

Nella Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, la Regione Lazio presenta il Premio “Donatella Colasanti e Rosaria Lopez”

Nella Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, la Regione Lazio presenta il Premio “Donatella Colasanti e Rosaria Lopez”

Nella Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, la Regione Lazio presenta il Premio “Donatella Colasanti e Rosaria Lopez”

Dichiarazione del Presidente David Sassoli al 30esimo anniversario sui diritti dell’infanzia

Dichiarazione del Presidente David Sassoli al 30esimo anniversario sui diritti dell’infanzia

Il 20 novembre a Bruxelles, al 30° anniversario della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia, David SASSOLI, ha chiesto che la protezione dei bambini venga posta al centro dell’agenda di lavoro della nuova Commissione europea

Gli italiani e la povertà educativa minorile

Gli italiani e la povertà educativa minorile

In occasione della Giornata internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza che ricorrerà il 20 novembre, l’impresa sociale Con i Bambini il 18 novembre ha presentato un’indagine realizzata da Demopolis “Gli italiani e la povertà educativa minorile” sulla percezione del fenomeno della povertà educativa nel nostro Paese

Gender diversity e leadership nell’era digitale

Gender diversity e leadership nell’era digitale

Gender Diversity e Leadership nell’era digitale e ne parla spesso per studiare i comportamenti legati al mondo del lavoro femminile e capire quanto le discriminazioni di genere incidono sul tessuto economico e sociale di un paese. Una mappa dell’identikit della donna manager.

Al via la Terza Edizione del Festival dell’”ECONOMIA COME L’IMPRESA DI CRESCERE”

Al via la Terza Edizione del Festival dell’”ECONOMIA COME L’IMPRESA DI CRESCERE”

Dall’8 al 10 novembre “ECONOMIA COME” torna a Roma con una tre giorni dedicata interamente all’economia, alla globalizzazione e all’innovazione

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: