Home » Il Lavoro come Valore Positivo: Le donne e l’economia mondiale

Il Lavoro come Valore Positivo: Le donne e l’economia mondiale

A partire dai primi anni ’60, cominciavano a manifestarsi i primi movimenti femministi negli Stati Uniti e in Europa. Sulla base degli impulsi provenienti dal vasto fronte internazionale dei movimenti delle donne, il 7 novembre del 1967 l’Assemblea generale ONU approva la dichiarazione sulla eliminazione delle discriminazioni contro la donna.

L’articolo 1 specificava che per discriminazione nei confronti delle donne si considerava tutto ciò che negava o limitava l’eguaglianza dei diritti con l’uomo, giudicato fondamentalmente ingiusto e offensivo della dignità umana. Nel 1966 si sottoscrivono due Patti internazionali: il primo sui diritti civili e politici, il secondo sui diritti economici, sociali e culturali. I Patti entrano in vigore nel 1976 e sancivano il passaggio dalla dichiarazione astratta di non discriminazione ad un impegno di concreta tutela dei diritti civili e politici. Tuttavia il gap tra la formulazione giuridica e l’applicazione pratica non venne colmata. In questa fase l’attività degli organismi internazionali non si caratterizzava per l’esercizio di un loro pieno potere di intervento, di controllo e di repressione nei confronti degli Stati membri, e ci spiega perchè anche Stati in realtà poco sensibili, o apertamente ostili, a questa impostazione dei rapporti di genere avessero potuto ratificarli. Il 1975 viene proclamato l’Anno internazionale della donna. Si apriva così il decennio della donna, che si rivela foriero di sviluppi preziosi. La Conferenza mondiale del Messico del 1975 si concluse con l’approvazione di un piano di azione mondiale che rappresenta il primo documento internazionale dedicato alle donne, esaminata nei suoi diversi aspetti. Parallelamente a questi eventi culturalmente epocali, che segnano il limite dell’azione ad una sfera di diritti prettamente economici e commerciali, si estrinseca l’intervento della Comunità Europea. Infatti con le direttive 75/117 e 77/207 la Comunità si esprime fortemente in direzione della parità di trattamento economico e normativo tra lavoratrici e lavoratori. Frutto dell’attuazione di tali direttive, sarà in particolare la nostra Legge 903/1977 “Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro“.

10399921_1158938584245_2193252_nCristina Montagni
La condizione giuridica delle donne, il loro innalzamento o abbassamento sono il miglior criterio e la misura più sicura della civiltà di un popolo e di un secolo
John Stuart-Mill

Categorie

Da non perdere: Women for Women Italy

Rapporto sul Mercato del Lavoro 2018

Rapporto sul Mercato del Lavoro 2018

L’analisi presentata all’ISTAT (Istituto nazionale di Statistica) il 25 febbraio 2019 ha tracciato aspetti congiunturali, ciclici e strutturali che hanno modificato l’apparato produttivo italiano insieme alle caratteristiche e ai comportamenti individuali dell’occupazione.

Differenza Donna e la Queen Mary University di Londra insieme per presentare il rapporto “What about my right not to be abused?”

Differenza Donna e la Queen Mary University di Londra insieme per presentare il rapporto “What about my right not to be abused?”

L’Associazione Differenza Donna insieme alle studiose inglesi della Queen Mary University di Londra hanno presentato i principali risultati delle campagne Child First ed “Every Woman Everywhere”. Ricerca realizzata da Women’s Aid che ha messo in luce i delicati aspetti riguardanti i rapporti genitoriali nei tribunali di famiglia inglesi. Per l’Italia magistrati e giudici hanno commentato lo stato dell’arte delle Linee Guida e i risultati ottenuti sulla violenza delle donne e sui minori.

Donne, pace e sicurezza con Lamya Haji Bashar

Donne, pace e sicurezza con Lamya Haji Bashar

In occasione delle celebrazioni per la Giornata internazionale della Donna, Bashar è intervenuta il 6 marzo al convegno “Donne, Pace e Sicurezza: verso i 20 anni della Risoluzione 1325 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite”, organizzato dalla Camera dei deputati.

Accordo Italia e Santa Sede per il reciproco riconoscimento dei titoli di studio

Accordo Italia e Santa Sede per il reciproco riconoscimento dei titoli di studio

Al via il riconoscimento reciproco dei titoli di studio conseguiti nelle istituzioni accademiche tra l’Italia e la Santa Sede.

Intervista alla pianista neoclassica Antonija Pacek dal pubblico multigenerazionale e multiculturale

Intervista alla pianista neoclassica Antonija Pacek dal pubblico multigenerazionale e multiculturale

Antonija Pacek, compositrice e pianista neoclassica di origine croata ora residente a Vienna, il 24 febbraio ha presentato in anteprima italiana all’Auditorium Parco della Musica il suo terzo album “Il Mare” uscito il 7 dicembre 2018.

One Billion Rising 2019

One Billion Rising 2019

Per il terzo anno consecutivo si è celebrato One Billion Rising 2019, l’evento planetario voluto dalla drammaturga e attivista Eve Ensler che si basa sull’idea che si può sfidare il sistema e rivendicare il diritto delle donne a decidere in pieno della propria vita. In Italia dal 14 al 17 febbraio, le piazze si sono trasformate in una vera festa d’amore, una festa di rispetto profondo verso gli altri.

52° Rapporto CENSIS. Italiani immersi nel rancore e preoccupati del futuro

52° Rapporto CENSIS. Italiani immersi nel rancore e preoccupati del futuro

L’istituto parla di una transizione che sta traghettando il nostro Paese verso un ecosistema di attori individuali con un appiattimento della società in cui gli italiani si dimostrano arrabbiati, insicuri e delusi dalla politica.

Osservatorio statistico Inps 2018. Monitoraggio e politiche a sostegno dell’occupazione

Osservatorio statistico Inps 2018. Monitoraggio e politiche a sostegno dell’occupazione

Pubblicati i risultati del monitoraggio dell’Inps sulle politiche del lavoro. Il bollettino annuale fotografa anche gli interventi pubblici a sostegno dell’occupazione

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: