Home » Carta Pari Opportunità

Carta Pari Opportunità

La Carta delle Pari Opportunità e l’Uguaglianza sul lavoro, nasce in Italia il 5 ottobre 2009 sull’onda del successo delle iniziative francese e tedesca. Una dichiarazione di intenti, sottoscritta dalle imprese di tutte le dimensioni, per diffondere una cultura aziendale ed incentivare ad una politica inclusiva, libera da discriminazioni e pregiudizi, valorizzando i talenti nel rispetto delle diversità. carta-delle-pari-opportunita-e-lavoroL’impresa, adottando la Carta, contribuisce alla lotta contro tutte le forme di discriminazione sul luogo di lavoro, genere, età, disabilità, etnia, fede religiosa, orientamento sessuale e si impegna a valorizzare le diversità all’interno dell’organizzazione aziendale, con particolare riguardo alle pari opportunità tra uomo e donna. Oggi aderiscono alla Carta circa 700 imprese e Pubbliche Amministrazioni che impiegano oltre 700.000 lavoratori con una rete capillare su territorio italiano mediante la costituzione di tavoli Regionali.

Gli obiettivi della Carta:

  1. definire e attuare politiche aziendali che coinvolgano tutti i livelli dell’organizzazione nel rispetto del principio della pari dignità e trattamento sul lavoro;
  2. individuare funzioni aziendali alle quali attribuire chiare responsabilità in materia di pari opportunità;
  3. superare gli stereotipi di genere, attraverso politiche aziendali di formazione e sensibilizzazione, anche promuovendo i percorsi di carriera;
  4. integrare il principio di parità di trattamento nei processi che regolano tutte le fasi della vita professionale e della valorizzazione delle risorse umane, affinché le decisioni relative ad assunzione, formazione e sviluppo di carriera vengano prese in base alle competenze, all’esperienza, al potenziale professionale delle persone;
  5. sensibilizzare e formare tutti i livelli dell’organizzazione sul valore della diversità e sulle modalità di gestione delle stesse;
  6. monitorare periodicamente l’andamento delle pari opportunità e valutarne l’impatto delle buone pratiche;
  7. individuare e fornire al personale strumenti interni a garanzia della effettiva tutela della parità di trattamento;
  8. fornire strumenti concreti per favorire la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro favorendo l’incontro tra domanda e offerta di flessibilità aziendale e delle persone, anche con adeguate politiche aziendali e contrattuali, in collaborazione con il territorio e la convenzione con i servizi pubblici e privati integrati assicurando una formazione adeguata al rientro dei congedi parentali;
  9. comunicare al personale l’impegno assunto a favore di una cultura aziendale della pari opportunità, informandolo sui progetti intrapresi e sui risultati pratici conseguiti;
  10. promuovere la visibilità esterna dell’impegno aziendale, dando testimonianza delle politiche adottate e dei progressi ottenuti in un’ottica di comunità realmente solidale e responsabile.
Per aderire alla CARTA PER LE PARI OPPORTUNITÀ E L’UGUAGLIANZA SUL LAVORO è necessario compilare i moduli reperibili ai seguenti link nella versione delle imprese e delle pubbliche amministrazioni:
Carta Pari Opportunità-Modulo di adesione per le imprese
Carta Pari Opportunità-Modulo di adesione Pubbliche Amministrazioni
La CARTA firmata dovrà essere inviata a: Segreteria Organizzativa della Carta per le Pari Opportunità Fondazione Sodalitas, Via Pantano 2-20122 Milano (MI)
womenforwomenitaly

Categorie

Da non perdere: Women for Women Italy

Donne 4.0: la sfida vincente delle donne nell’era delle reti e dello smart working

Donne 4.0: la sfida vincente delle donne nell’era delle reti e dello smart working

Le donne per decidere devono contare nei processi decisionali. Nelle istituzioni sono sottorappresentate, e nel contratto di governo addirittura eliminate, se ne parla solo in termini di mamme o pensionate, non esiste mai la relazione donne-lavoro.

DONNE 4.0. Position Paper Conferenza Annuale di Confassociazioni

DONNE 4.0. Position Paper Conferenza Annuale di Confassociazioni

Sottovalutare il ruolo di cambiamento del mondo femminile nell’era delle reti rischia di minare l’equilibrio del sistema socio-economico, di welfare e di equità inter-generazionale.

Ricominciare da cinquanta

Ricominciare da cinquanta

La menopausa è un momento fisiologico della vita della donna che coincide con il termine della fertilità, spesso vissuta come problematica. Le donne si trovano a vivere un periodo fisiologico segnato da una situazione ormonale le cui conseguenze possono impattare sulla qualità della vita e sulla condizione di salute.

Il mercato del lavoro e le donne

Il mercato del lavoro e le donne

Il Ministero del Lavoro al Forum PA 2018 ha affrontato temi legati alle donne nella conciliazione vita-lavoro, maternità e dimissioni volontarie delle lavoratrici.

“Fondazione con il Sud” e impresa sociale “Con i bambini” contro la povertà educativa

“Fondazione con il Sud” e impresa sociale “Con i bambini” contro la povertà educativa

Per favorire lo sviluppo del Mezzogiorno e contrastare il fenomeno della povertà educativa minorile occorre fare squadra e rafforzare i percorsi di coesione sociale, valorizzando le esperienze e le buone pratiche facendo rete.

L’altra dimensione del management che non concilia lavoro e famiglia

L’altra dimensione del management che non concilia lavoro e famiglia

Cambiare la cultura aziendale per agevolare le donne nel mondo del lavoro facilitandone la carriera fino alle posizioni apicali, sono le politiche necessarie per sviluppare un ecosistema sociale ed economico sostenibile, competitivo ed equo.

Terzo Piano d’Azione Nazionale dell’Italia: Donne, Pace e Sicurezza

Terzo Piano d’Azione Nazionale dell’Italia: Donne, Pace e Sicurezza

L’Italia sin dall’adozione della Risoluzione del Consiglio di Sicurezza 1325(2000), ha sostenuto l’Agenda delle Nazioni Unite 2016 – 2019 su “Donne, Pace e Sicurezza”

Festival dello Sviluppo Sostenibile. L’Italia nel 2030 e 17 obiettivi dell’Agenda Onu 2030

Festival dello Sviluppo Sostenibile. L’Italia nel 2030 e 17 obiettivi dell’Agenda Onu 2030

“Senza di te lo sviluppo sostenibile non c’è”. Slogan che ha aperto la II edizione del Festival dello Sviluppo Sostenibile, suscitando riflessioni sui 17 obiettivi dell’Agenda Onu 2030.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: