Home » Posts tagged 'centri antiviolenza'

Tag Archives: centri antiviolenza

SETTIMANA CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

Ciclo di eventi in diretta streaming

Nella Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne, la Regione Lazio dal 23 al 27 novembre ha messo in campo diverse iniziative di grande valore simbolico.

In occasione della Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne, la Regione Lazio ha organizzato un ricco programma di iniziative ed eventi di sensibilizzazione in modalità virtuale. Dal premio al ricordo di Donatella Colasanti e Rosaria Lopez, vittime del caso del Circeo, avvenuto nel 1975, all’iniziativa “Salute in rosa” per offrire un sostegno alle donne vittime di violenza nei pronto soccorso e negli ospedali del Lazio e altro ancora. Vista l’importanza dell’evento – dal 23 novembre sera al 27 novembre – per la prima volta il palazzo della Regione Lazio si tingerà di rosso per simboleggiare l’impegno per il contrasto alla violenza maschile sulle donne. Alla kermesse seguiranno testimonianze delle donne imprenditrici nel Lazio ed illustri interventi in videoconferenza. I saluti istituzionali saranno aperti da Giovanna Pugliese, Assessora Turismo e Pari Opportunità della Regione Lazio.

PROGRAMMA

Diretta streaming sulla pagina Facebook della Regione Lazio

Lunedì 23 novembre

Ore: 11.00

Conferenza stampa in diretta streaming sulla pagina Facebook della Regione Lazio

SAVE

Servizio nazionale di prevenzione, raccolta dati e sostegno, psicologico e legale, per vittime di violenza e abusi nel mondo sportivo

Progetto di Assist Associazione Nazionale Atlete e Differenza Donna Ong promosso dalla Regione Lazio.

Programma

Elisa Ercoli – Presidente Differenza Donna Ong

Luisa Rizzitelli – Presidente Assist Associazione Nazionale Atlete

Giovanna Pugliese – Assessora al Turismo e alle Pari opportunità Regione Lazio

Saluto delle Campionesse Olimpiche – Antonella Bellutti, Martina Caironi e Josefa Idem

Martedì 24 novembre

Ore 11.00

Iniziativa rivolta alle scuole del Lazio che hanno aderito al PROGETTO IO NON ODIO

FATTI D’ODIO

Dove “fatti” sta per assuefatti e per le azioni che si compiono in nome di quell’assuefazione.

Maura Gancitano e Andrea Colamedici – TLON intervisteranno alcuni personaggi del mondo della cultura e dello spettacolo per approfondire con loro cosa genera odio, dove affondano le radici del peggiore dei sentimenti e cosa si può fare per contrastarlo.

Saluti istituzionali

Giovanna Pugliese, Assessora Turismo e Pari Opportunità, Regione Lazio

Interventi:

Eleonora Mattia, Presidente Commissione Pari Opportunità della Regione Lazio

Milena Monteiro Duarte, sorella di Willy, 21enne ucciso lo scorso settembre a Colleferro

Fatti d’odio

Lorenzo Baglioni, musicista

Irene Facheris, parità in pillole

Emanuela Fanelli, attrice

Elena Favilli, scrittrice

Chiara Francini, attrice

Cathy La Torre, avvocata e attivista

Giacomo Mazzariol, scrittore, con Stefano Cipani, regista

Nicole Rossi, influencer

Paolo Ruffini, attore

Ore: 15.00

Conferenza stampa in diretta streaming su webtv.senato.it

“DALLA PARTE DELLE DONNE: IL RUOLO FONDAMENTALE DEI CENTRI ANTIVIOLENZA

Iniziativa organizzata dalla Commissione parlamentare d’inchiesta sul femminicidio, nonché su ogni forma di violenza di genere

Videomessaggio Maria Elisabetta Alberti Casellati, Presidente del Senato della Repubblica

Introduce

Valeria Valente, Presidente Commissione parlamentare d’inchiesta sul femminicidio, nonché su ogni forma di violenza di genere

Intervengono in videoconferenza

Giuseppe Conte, Presidente del Consiglio dei ministri

Elena Bonetti, Ministra per le pari opportunità e la famiglia

Collegamento con le sedi dei centri Antiviolenza:

“Maree” gestito dalla cooperativa Befree con la presenza dell’Assessora al Turismo e alle Pari opportunità della Regione Lazio, Giovanna Pugliese

“Casa internazionale dei diritti umani delle donne” gestito da Telefono Rosa con la presenza di una rappresentante del Comune di Roma e con le rappresentanti delle Reti dei centri antiviolenza: D.i.Re – Donne in rete contro la violenza; Casa internazionale delle donne di Roma; Differenza Donna; Pangea Rete Reama; UDI – Unione donne in Italia

Mercoledì 25 novembre

Per la prima volta il palazzo della Regione Lazio si tingerà di rosso, dal 23 novembre sera al 27 novembre, per simboleggiare l’impegno quotidiano per il contrasto della violenza maschile sulle donne.

Ore: 11.00

Conferenza stampa in diretta streaming sulla pagina Facebook della Regione Lazio

GIORNATA MONDIALE CONTRO LA VIOLENZA MASCHILE SULLE DONNE

Giovanna Pugliese, Assessora al Turismo e alle Pari Opportunità, Regione Lazio

Eleonora Mattia, Presidente Commissione consiliare Pari Opportunità

Letture a cura di Eleonora Fanelli

Antonio Galletti, Presidente Ordine degli avvocati (in collegamento)

Nicola Zingaretti, Presidente della Regione Lazio

A seguire

Alice Pasquini, artista

INAUGURAZIONE PANCHINA ROSSA contro la violenza sulle donne personalizzata dall’artista Alice Pasquini. La panchina sarà intitolata a Donatella Colasanti e Rosaria Lopez e a tutte le donne vittime di violenza maschile

Giovedì 26 novembre

Ore: 11.00

Incontro in diretta streaming sulla pagina Facebook della Regione Lazio

DONNA E IMPRESA

Libera di fare. Libera di essere. Riflessioni sull’imprenditorialità come strumento per superare situazioni di difficoltà in collaborazione con Global Thinking Foundation.

Modera Ilaria Corsi, Lazio Innova

Intervengono

Giovanna Pugliese, Assessora Turismo e Pari opportunità, Regione Lazio

Paolo Orneli, Assessore allo Sviluppo Economico, Commercio e Artigianato, Ricerca, Start-Up e Innovazione, Regione Lazio

Cecilia D’Elia, Presidente Cabina di Regia per la prevenzione e il contrasto della violenza sulle donne

Marietta Tidei, Presidente Commissione Sviluppo economico e attività produttive Regione Lazio

Roberta Lombardi, Consigliera regionale Lazio

Maria Angela Ilari, Lazio Innova – Presentazione del progetto “Scelgo di essere. Libera!”

Claudia Segre, Presidente Global Thinking Foundation, partner del progetto “Scelgo di essere. Libera!”

Testimonianze delle donne imprenditrici nel Lazio e in Europa

Ginevra Bentivoglio, GB EditoriA

Ivana Pagliara, Promotuscia

Sonia Mascioli, Casa delle donne di Amatrice

Priscilla Contesini, Mensura

Linda De Luca, Imems Technology

Lisa Lang, ELEKTROCOUTURE (Portogallo)

Magda Rull, KYO FILMS (Spagna)

Odile Ehrbar, VAPODIL (Francia)

Ore: 17.00

Conferenza stampa in diretta streaming sulla pagina Facebook della Regione Lazio

APERTURA CASA RIFUGIO NEL FRUSINATE

Intervengono

Enzo Salera, Sindaco di Cassino

Maria Concetta Tamburrini, Assessora Pubblica Istruzione, Turismo, Sport e Pari opportunità Comune di Cassino

Mauro Buschini, Presidente Consiglio regionale del Lazio

Sara Battisti, Consigliera regionale

Elisa Viscogliosi, Presidente Associazione Risorse Donna

Marta Bonafoni, Consigliera regionale

Una testimonianza

Gianpiero Cioffredi, Presidente dell’Osservatorio Tecnico Scientifico per la Sicurezza, la Legalità e la Lotta alla Corruzione della Regione Lazio

Fiorenza Taricone, Consigliera provinciale di parità

Giovanna Pugliese, Assessora Turismo e Pari Opportunità Regione Lazio

Venerdì 27 novembre

Ore: 11.00

Incontro in diretta streaming sulla pagina Facebook della Regione Lazio

CUCINA, UN’IMPRESA AL FEMMINILE

Modera

Luca Polizzano – Responsabile Spazio Attivo di Bracciano

Saluti istituzionali

Giovanna Pugliese, Assessora Turismo e Pari opportunità Regione Lazio

Enrica Onorati, Assessora Agricoltura, Promozione della Filiera e della Cultura del Cibo, Ambiente e Risorse Naturali Regione Lazio

Intervengono

Camilla Monteduro – Food concept designer, TV presenter

Iside De Cesare – Chef La Parolina ristorante stellato (Trevinano – VT)

Testimonianza femminile delle ragazze dell’Istituto Alberghiero di Vittorio di Ladispoli

Ricette proposte:

Iside – Coregone marinato con panna acida e salsa verde

Camilla -Pane con ricotta e glassa al miele nocciole e scarola

Iside e Camilla – Millefrolle

Ore: 17.00

Incontro in diretta streaming sulla pagina Facebook della Regione Lazio

CON MARIA

In cammino con l’Arte, la Bellezza e la Cultura nel Lazio

Terza tappa del progetto speciale CON MARIA che mette in relazione tre percorsi, il primo di tipo spirituale, sulle tracce delle Madonne del Lazio, il secondo sulla parità di genere e sul ruolo delle donne nella società e infine un terzo sulla salute delle donne.

Presenta:

Serena Dandini

Saluti istituzionali

Giovanna Pugliese, Assessora Turismo e Pari Opportunità Regione Lazio

Alessandra Sartore, Assessora alla Programmazione economica, Bilancio, Demanio e Patrimonio Regione Lazio

Interventi

Sport

Antonella Bellutti, Campionessa olimpica

Attualità Covid

Maria Rosaria Capobianchi, Direttore Laboratorio di virologia – IRCCS Spallanzani

Arte

Francesca Cappelletti, Direttrice Galleria Borghese a Roma

Volontariato

Angela Caprio, Consigliera nazionale “La Misericordie”

Medicina di genere

Mariavita Ciccarone, Associazione Gemme Dormienti Onlus

Libri

Alicia Giménez Bartlett, scrittrice

Giustizia

Maria Monteleone, Sostituto procuratore a Roma e coordinatrice del pool che si occupa dei diritti dei minori

Università

Antonella Polimeni, Magnifica Rettrice dell’Università La Sapienza di Roma

Musica

Marina Rei

Teatro

Adel Tirant Imprenditoria culturale

Gemma Trevisani, Responsabile narrativa italiana Rizzoli

Da lunedì 23 a venerdì 27 dalle ore 16 alle ore 17

Talk in diretta streaming sulla pagina Facebook della Regione Lazio

LE DONNE SI RACCONTANO

Talk in collaborazione con Wired, condotto da Chiara Oltolini, con 20 storie di donne che ogni giorno, attraverso il proprio impegno e la propria professione, si confrontano con la complessità dei nostri tempi e combattono la violenza maschile sulle donne, le discriminazioni e il gender gap

LUNEDÌ 23

Giovanna Pugliese, Assessora Turismo e Pari Opportunità Regione Lazio

Cathy La Torre, Attivista, avvocata specializzata in diritto antidiscriminatorio

Antonella Baccaro, Giornalista

Silvia Cutrera, Componente del direttivo AVI onlus (past-president Agenzia per la Vita Indipendente di Roma) componente della segreteria DPI (Disabled people International) e vice Presidente FISH (Federazione Italiana Superamento Handicap)

MARTEDÌ 24

Tiziana Ronzio, Operatrice sanitaria, Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana, fondatrice dell’associazione “Tor Più Bella” dedita alla riqualificazione strutturale e sociale del quartiere di Tor Bella Monaca a Roma

Paola Di Nicola, Magistrata e scrittrice

Eva Giovannini, Giornalista e inviata Rai

MERCOLEDÌ 25

Musica e parole contro la violenza sulle donne

GIOVEDÌ 26

Valentina Cardinali, Consigliera regionale di Parità

Valeria Giunta, Responsabile Federculture CGIL Roma e Lazio

Start up femminili – Scienza della Vita

Start up femminili – Moda

Giorgia Pontetti, Ferrari Farm

VENERDÌ 27

Donatella Di Pietrantonio, Scrittrice

Francesca Innocenti, Presidente Ass. Donna Lilith contro la violenza sulle donne

Flori Degrassi, Direttore Generale ASL Roma2

Arcangela Galluzzo Dirigente Area Pari Opportunità Regione Lazio

Cristina Montagni

Covid 19. Centri antiviolenza a fianco delle donne

1522 numero antistalkingPangea/Reama, Udi, Telefono Rosa per contrastare la violenza domestica con politiche integrate per il coordinamento della rete dei Centri Antiviolenza e per agevolare l’accesso alle strutture e i contatti.

Martedi, 24/03/2020 – Riceviamo e pubblichiamo
Le richieste di: Associazione Nazionale Telefono Rosa/Pangea-REAMA Network/ UDI-Unione Donne in Italia
Soprattutto in questo momento così difficile per il nostro paese e per tutta la società, servono politiche integrate per approfondire quale percorso le donne vittime di violenza debbano intraprendere per sfuggire agli uomini violenti.

La Ministra Bonetti rilancia il numero di pubblica utilità 1522 in vari articoli e nelle trasmissioni televisive, ma nonostante ciò riteniamo che non sia una risposta sufficiente alla luce del fatto che il 1522 lavora in rete con una parte dei centri antiviolenza d’Italia.

Ad oggi i centri antiviolenza, secondo la rilevazione del 2017 sono 366 in tutto il paese ma le telefonate sono diminuite. È opportuno chiarire e dare ulteriori informazioni perché i CAV – Centri Antiviolenza, che sono nella maggior parte dei casi chiusi, operano costantemente al telefono fornendo consulenza legale civile e penale e soprattutto sostegno psicologico. La consulenza legale è necessaria alle donne per avere consigli, per preparare una denuncia e per il percorso successivo da intraprendere. Sono invece funzionanti le Case Rifugio, ma molte di esse sono già piene e non possono garantire ulteriori prese in carico e alloggiare donne ex novo.

Sarebbe utile, per gli addetti ai lavori, conoscere quali Case Rifugio abbiano ancora spazi disponibili e se sono attrezzate con spazi adeguati per far trascorrere la quarantena alle donne in situazioni di infezione. Dovrebbe altresì essere chiara la prassi sanitaria da seguire in tutta Italia prima di poter inserire le donne nelle Case e le operatrici dovrebbero essere munite di mascherine e guanti da parte della protezione civile per garantire anche la propria sicurezza sanitaria.

Se una donna è in pericolo ed esce di casa, incontrando le forze dell’ordine, più che compilare un modulo può chiedere aiuto per uscire dalla situazione di pericolo in cui si trova, dichiarando lo stato di necessità per la sua messa in sicurezza. Sarebbe soprattutto opportuno far uscire il violento di casa con misure immediate speciali, allontanandolo sino al periodo post COVID19 e assicurando tutte le condizioni sanitarie e di sicurezza necessarie anche per il violento. In ogni caso vanno assicurate alle donne tutte le condizioni necessarie sanitarie e di sicurezza per la donna e per i figli.

Per i finanziamenti stanziati con DPCM fino al 2020 a tutte le Regioni, chiediamo che siano erogati direttamente ai centri in funzione che sono riconosciuti dalle regioni e dal DPO con massima urgenza, entro e non oltre 15 gg.
Speriamo che le nostre richieste vengano accolte in tempi brevi. Oggi più che mai dobbiamo assicurare alle donne e ai minori protezione e sicurezza.

Firmato
Associazione Nazionale Telefono Rosa
Pangea- REAMA Network
UDI-Unione Donne in Italia

https://www.1522.eu/

Cristina Montagni

L’altra metà del Sole

VIOLENZA ALLE DONNE? UNA QUESTIONE CULTURALE

Il 9 maggio a Palazzo Chigi, la Ministra delle Riforme, Maria Elena Boschi presenta per la prima volta la cabina di regia interistituzionale contro la violenza di genere. Il governo dichiara nella riunione lo sblocco dei fondi per i centri antiviolenza. Un problema spinoso che da tempo grava a quei centri che lavorano a livello locale per aiutare le donne vittime di violenza che senza fondi rischiano di chiudere i battenti sia a Roma che nel Sud Italia. L’insediamento delcabina-regia-meb-1la Cabina di regia è un reale impegno sul tema della lotta alla violenza. E’ il primo organismo governativo di coordinamento politico che sia mai stato istituito a livello nazionale sui temi della violenza sessuale e di genere. Alla riunione hanno partecipato i Ministri Giannini e Costa, il Vice Ministro Bubbico, i Sottosegretari Sesa Amici, Della Vedova, Chiavaroli, De Micheli e Lucia Annibali, consulente del Dipartimento delle Pari opportunità. L’organismo rappresenterà un luogo di confronto politico, strategico e funzionale tra le Regioni, Enti locali ed Amministrazioni statali. Lo scopo è quello di offrire una maggiore coerenza tra le attività di contrasto alla violenza sul territorio nazionale. Nella Cabina regia sono emerse anche la necessità di una sempre maggiore trasparenza, ed efficacia sull’utilizzo delle risorse e l’esigenza di individuare percorsi innovativi che consentano di realizzare pienamente tutte le finalità del Piano, per proseguire l’impegno italiano a dare attuazione alle indicazioni della Convenzione di Istanbul. Si ritiene utile una programmazione attenta delle risorse ed un coordinamento tra i diversi livelli istituzionali e sfruttare appieno le sinergie tra le azioni a livello centrale e locale. Infatti molto spesso le violenze avvengono nell’ambito familiare e l’assenza di un’autonomia economica rappresenta spesso un ostacolo alle denunce. E’ necessario quindi rafforzare e tutelare le donne anche attraverso misure che favoriscano l’autonomia finanziaria e l’inserimento sociale. In particolare l’impegno non è solo il contrasto ma anche la prevenzione e la diffusione della cultura del rispetto, attraverso un lavoro sul linguaggio e campagne di comunicazione mirate contro gli stereotipi.

Cristina Montagni