Home » Posts tagged 'Carlo Calenda'

Tag Archives: Carlo Calenda

Come cambia il lavoro. Strategie del Governo dedicate alla digitalizzazione, all’automazione e al futuro del lavoro

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Giuliano Poletti e il direttore dell’ILO per l’Italia, Gianni Rosas, il 20 aprile nella sede del Ministero del Lavoro hanno presentato il programma con cui si intende approfondire il tema del lavoro in relazione alle trasformazioni indotte dal digitale e dalla rete. L’iniziativa è stata realizzata in collaborazione con il MIUR (Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca), il MISE (Ministero dello Sviluppo Economico).
Presenti all’incontro anche i ministri Carlo Calenda e Valeria Fedeli, i presidenti di INPS, INAIL, ISTAT, ANPAL (rispettivamente Tito Boeri, Massimo De Felice, Giorgio Alleva e Maurizio Del Conte), i rappresentanti delle parti sociali e datoriali.

L’iniziativa, elaborata in occasione del centenario dell’ILO e G7, è stata dedicata al rapporto tra “Scienza, Tecnologia e Lavoro”, con l’obiettivo di delineare le linee programmatiche del Governo, al fine di cogliere le opportunità offerte dall’Industria 4.0 e garantire la sostenibilità sociale nel lungo periodo. L’azione, in coerenza con il Piano Nazionale Industria 4.0 voluto dal MISE, si basa sui principi fissati nei Pilastri del sociale della Commissione Europea e tiene conto dell’Agenda 2030 dell’ONU per lo Sviluppo Sostenibile.

L’Italia – ha dichiarato Poletti – ha delle scadenze importanti da rispettare. A fine maggio è in programma un appuntamento pubblico nel quale, grazie al lavoro del tavolo istituzionale e del comitato scientifico, verranno presentate le linee guida sostenute dal Governo e l’iniziativa promossa dall’ILO per il suo centenario. Il G20 del 18 e 19 maggio, che si terrà in Germania, affronterà il tema “Verso un futuro inclusivo: dare forma al mondo del lavoro” e infine il G7, previsto a Torino il 30 settembre, porrà al centro del dibattito il tema dell’innovazione tecnologia e le sfide connesse sul piano del lavoro che cambia. Una settimana di incontri, nel corso dei quali si svolgeranno le sessioni ministeriali, a presidenza italiana, che vedranno impegnati, oltre al Ministro del lavoro, i ministri dello sviluppo economico e dell’istruzione, università e ricerca rispettivamente sui temi delle sfide future per l’industria e per la formazione. Tutti i protagonisti saranno coinvolti in un dibattito plurale e partecipato, partendo dai quattro pilastri principali delineati da ILO: lavoro e società, organizzazione del lavoro e della produzione, lavoro dignitoso per tutti, governance del lavoro. Nell’agenda degli incontri si discuterà delle azioni necessarie per rispondere alle esigenze dei cambiamenti in atto per aiutare il sistema imprenditoriale italiano, migliorare le condizioni economiche, sociali e culturali delle persone e della comunità. Il quadro di riferimento sarà analizzato da una pluralità di angolazioni: quantità e la qualità dell’occupazione, competenze e formazione, relazioni industriali e regolamentazione, politiche industriali, organizzazione del lavoro e del welfare state, interazione tra prospetti micro (condizioni lavorative che cambiano) e macro (crescita economica). Una trasformazione non neutrale che investe tutti gli aspetti della vita della comunità, dal lavoro, alle relazioni sociali.
I tavoli tecnici tracceranno un quadro sull’impatto che la trasformazione tecnologica genera dall’intreccio della digitalizzazione, automazione e globalizzazione sul lavoro.

Cristina Montagni

Leggi l’articolo completo sulla testata giornalistica nazionale “Donna In Affari”. Giornale online incentrato sui temi del lavoro, della formazione e dell’imprenditoria femminile. 

Premi Leonardo 2016

Il Comitato Leonardo celebra le Eccellenze del Made in Italy al Quirinale

Il 2 marzo al Quirinale il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha consegnato i Premi Leonardo 2016 riservati al Made in Italy e 9 Premi di Laurea agli studenti più meritevoli, finanziati da imprenditori del Comitato Leonardo. Alla consegna, il Ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda, la Presidente del Comitato Leonardo Luisa Todini, il Presidente dall’Agenzia ICE Michele Scannavini e il Presidente di Confindustria Vincenzo Boccia. L’iniziativa, giunta alla 22esima edizione, nasce nel 1993 da una idea del Sen. Sergio Pininfarina e del Sen. Gianni Agnelli di Confindustria, dell’ICE e da un gruppo di imprenditori con l’obiettivo di rafforzare l’immagine l’eccellenza dell’Italia nel mondo.

dav

Luisa Todini, Presidente del Comitato Leonardo, ha dichiarato che il Comitato ha voluto premiare le aziende accomunate dalla qualità del prodotto, dalla capacità di innovare e dalla forte presenza sui mercati internazionali. L’export si conferma un asset strategico per l’economia italiana, i dati nel 2016 dimostrano che la richiesta di Made in Italy continua ad essere supportata da un tessuto industriale solido. Nel 2016 le aziende del Comitato Leonardo hanno raggiunto un fatturato di 350 miliardi di euro, con una quota di export del 54%. Secondo la Todini la strategica è generare partnership con l’Europa per cogliere le opportunità che si aprono nei grandi mercati extra-europei, come quello cinese, che si prospetta ricettivo per i brand italiani. Dall’altro il nostro paese deve favorire l’afflusso di capitali stranieri con l’intento di creare sviluppo e occupazione.

Per Michele Scannavini, Presidente dell’Agenzia ICE, “Il Made in Italy” è un brand dai forti contenuti. La qualità delle lavorazioni, l’innovazione contenuta nei prodotti costituiscono un punto di riferimento nel mondo per numerosi settori merceologici. Il valore delle esportazioni nel 2016 ha toccato un record storico, frutto di un mix di ingredienti, competitività, creatività, flessibilità e capacità di adattamento degli imprenditori, unite ad una grande determinazione. Vincenzo Boccia, Presidente di Confindustria, spiega che nel mercato interno e in quello internazionale si affacciano nuovi elementi per la ripartenza. L’Italia deve essere in grado di mantenere i cervelli nel Paese, saper attrarne dall’estero una centralità nella progettazione e convergere verso una società coerente che punti ad un piano economico competitivo. Per Carlo Calenda, Ministro dello Sviluppo Economico, il “Made in Italy è sinonimo di “bello e ben fatto”. Sostiene che è l’alta qualità che contraddistingue i prodotti italiani, nasce dall’incrocio tra creatività e storia, fantasia e cura del dettaglio che rendono le imprese italiane apprezzate nel mondo. 

Il Premio Leonardo 2016 è stato consegnato a Alberto Bombassei, Presidente di Brembo, società leader nel mercato mondiale per la progettazione e produzione di sistemi frenanti ad alte prestazioni, e per l’innovazione della tecnologia degli impianti frenanti a disco. Fondatore del parco scientifico e tecnologico Kilometro Rosso, campus ispirato alla multisettorialità e all’interdisciplinarietà, valorizza il dialogo tra la cultura accademica, imprenditoriale e scientifica. Dal 2016 è Membro del Consiglio di Amministrazione di ISPI – Istituto per gli Studi di Politica Internazionale. Nel corso degli anni ha ottenuto diversi riconoscimenti, tra cui il Transatlantic Award 2014 dalla Camera di Commercio Americana in Italia; il Premio Ernst & Young “L’Imprenditore dell’Anno 2012”; il Premio “Tiepolo 2012”, assegnatogli dalla Camera di Commercio e Industria italiana per la Spagna e dalla Camera di Commercio e Industria di Madrid.

Premi Leonardo Qualità Italia 2016, sono stati assegnati a 4 eccellenze del Made in Italy in diversi settori industriali. Elica Spa leader mondiale nel mercato delle cappe da cucina. Il Gruppo Elica ha creato una piattaforma produttiva articolata in otto siti produttivi: Italia, Polonia, Messico, Germania, India e Cina. Il Gruppo Maccaferri, holding con oltre 50 stabilimenti nel mondo, è attivo nell’ingegneria ambientale, meccanica, energia, agroindustria e tabacco. Una realtà industriale attiva dal 1879, presente in tutto il mondo per offrire prodotti alle aziende operanti nei settori industriali e ai consumatori finali. Masi Agricola Spa, azienda vitivinicola della Valpolicella Classica, produttore leader di Amarone. Da oltre quarant’anni Masi ha avviato un progetto di valorizzazione delle tenute vitivinicole per dotarsi di una collezione di brand del Triveneto di grande significato e storicità, tradizione e innovazione. Masi produce cinque diversi Amaroni, nel 2015 è la prima azienda italiana produttrice di vini di qualità ad accedere al mercato del capitale quotandosi in Borsa sul mercato AIM Italia, dedicato alle piccole e medie imprese. Il Gruppo Veronesi fondato nel 1958, quarta realtà agroalimentare italiana per fatturato, è leader nella produzione di mangimi, tra i primi nell’avicolo in Europa. Nel 2015 il Gruppo ha effettuato investimenti industriali per 92 milioni di euro, finalizzati a sviluppare la capacità produttiva, migliorare i processi, rafforzare l’efficienza energetica, la sostenibilità, la qualità e la sicurezza nell’ambiente di lavoro. Nel 2015 realizza un fatturato consolidato di 2.774 milioni di euro, di cui 443 realizzati nei mercati esteri, al quale ha contribuito una forza di oltre 9.600 collaboratori puntando sull’esperienza, ma anche sulla ricerca e sulla sperimentazione di nuove tecnologie.

sdr

Il Premio Leonardo Start up in collaborazione con il MISE e l’Agenzia ICE, è stato assegnato all’Amministratore Delegato Antonello Forgione, Fondatore della ValueBioTech Srl, una realtà ad alto tasso di innovazione. La società milanese ha ideato il Robot M.I.L.A.N.O – Minimal Invasive Light Automatic Natural Orifice, una tecnologia avanzata e brevettata, nata dall’intuizione di un chirurgo italiano, che consente di operare senza lasciare cicatrici, con un sistema avanzato di visione ad alta definizione in 3D. La tecnica consente di entrare nell’addome senza necessità di dolorose incisioni, scomponendosi e ricomponendosi automaticamente e portando con sé tutti gli strumenti che servono per l’operazione. La definizione in 3D ed il sistema di supervisione computerizzato, garantiscono di non ledere accidentalmente strutture vitali a beneficio della sicurezza del paziente. Il prototipo del M.I.L.A.N.O robot, subirà ulteriori sviluppi per poter rispondere alle necessità del mercato nazionale ed internazionale. Con 3 brevetti depositati, ValueBioTech impiega giovani ingegneri di diverso profilo e attivato diverse collaborazioni con istituti di ricerca nazionali e piccole e medie aziende nazionali ed internazionali. La società ha stabilito una propria controllata in Israele grazie alla quale ha ricevuto un finanziamento pubblico dal Ministero della Ricerca e Sviluppo israeliano e diversi investitori internazionali hanno siglato accordi di distribuzione del prodotto in Europa, Cina e Giappone.

Il Premio Leonardo International è stato conferito a Jeffrey S. Loberbaum, Presidente di Mohawk Industries Inc, gruppo multinazionale americano leader mondiale nel flooring quotato alla Borsa di New York (NYSE). Nel 2013 ha acquisito l’azienda italiana Marazzi Group leader mondiale nel settore dei materiali per pavimenti, con un fatturato complessivo di circa 9 miliardi di dollari, stabilimenti produttivi in 15 nazioni, più di 34.000 addetti e una presenza commerciale in oltre 160 paesi nel mondo.

Leggi l’articolo completo sulla testata giornalistica nazionale “Donna In Affari”. Giornale online incentrato sui temi del lavoro, della formazione e dell’imprenditoria femminile. 

Cristina Montagni